Alla ricerca dell'ingresso ...
... che non c'è

Le feritoie, parzialmente ostruite, lungo la SS 20 nei pressi di Tenda

Poco prima di raggiungere Tenda percorrendo la Strada Statale n° 20 di Valle Roja in direzione di Ventimiglia (Route Nationale 204 nel tratto ora francese), ci si trova improvvisamente di fronte ad una coppia di feritoie che si aprono nella parete rocciosa in corrispondenza di una curva.
Più precisamente si tratta della curva a destra prima del ponte sul Roja (Pont de Scara) che immette sul tratto quasi rettilineo che conduce al centro abitato di Tenda.

Pensando che si trattasse di un'opera fortificata, ci siamo messi alla ricerca dell'ingresso, ma nonostante una perlustrazione abbastanza accurata nelle immediate vicinanze, non siamo riusciti a trovarlo.

Dopo una serie di ipotesi traballanti e mai verificate (postazione per «arma traditrice», ingresso nella vicina galleria ferroviaria «Cagnolina»), rimaneva sempre un grosso dubbio: «Perché una realizzazione così evidente non è citata in nessuna delle pubblicazioni presenti nella letteratura specializzata?».

La risposta è arrivata da un colloquio con Davide Bagnaschino, autore con Pier Giorgio Corino del libro «Alta Roja Fortificata»: si tratta semplicemente di due fori di assaggio nella roccia, fatti in epoca e per ragione ignota, dietro ai quali non c'è alcuna cavità!


Le aperture nella roccia lungo la RN 204 (ex SS 20) viste in direzione di Tenda.
(Foto Luciano Marcon - 30/06/2001)

Ultimo aggiornamento: 01/12/2002